Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Una chiacchierata con Edda Dell'Orso, ospite del Ristorante Santa Chiara

Condividi su:

La signora Edda Dell’Orso e il marito Giacomo (pianista e compositore) sono venuti a Guardiagrele accompagnati dall’ex sindaco di Villa santa Maria Francesco Falconio, tramite il quale Gino Primavera li ha invitati a visitare la nostra Città.

La signora oltre che una grande artista si è rivelata una bella persona, disponibile e gentile, fortemente riconoscente per l'invito ricevuto: ha apprezzato moltissimo, con grande entusiasmo le visite al museo Archeologico dove è stata ospitata con grande professionalità da Lucio Taraborrelli e alla mostra dell’artigianato. "Con questa visita ho “scoperto” Guardiagrele e l'aria di cultura che qui si respira - dichiara-" .

Tra una pietanza e l'altra ha raccontato un pò della sua lunga e ricca carriera, iniziata come pianista e poi come corista, fino alla conoscenza con Morricone e la sua presenza come solista in molte sue colonne sonore di film, tra cui spiccano quelli di Sergio Leone. "C’è voluta però molta gavetta, molta abnegazione e soprattutto passione".

Parlando del mondo in cui continua ad essere inserita, con piccole partecipazioni a teatro, si è lamentata del successo facile e immotivato che oggi purtroppo ci accade di vedere, ma sempre con molta pacatezza e garbo, da gentildonna. "Ma ci sono anche doti e fortuna - prosegue- : la sua voce acuta curata in conservatorio e indirettamente la scelta che fece Morricone di restare arrangiatore RAI e rifiutare un contratto a tempo indeterminato che gli permise di promuovere e realizzare grandi opere come libero autore delle quali lei fu “la voce”: una fra tutte “SOAN SOAN” di “Giù la testa”.

Quando le chiediamo di dare un consiglio ai giovani, in questo difficile momento storico, economico, culturale e valoriale ci dice:  "le capacità sono importanti, ma molto di più contano l’amore, la dedizione e la passione".

Fiore di zucca farcito, tortino con prosciutto locale, granatina di cocomero, il gradevole Cerasuolo della cantina di Orsogna e la confettura di fichi roscioletti: questo il menù che ha accompagnato la sosta culinaria della Signora Dell'Orso, che si è persino commossa quando lo chef Scotti del Greco Domenico le ha offerto un bouquet di rose bianche.

L'intero staff del Ristorante Santa Chiara colgono l'occasione per ringraziare Edda Dell'Orso per la leggerezza che ha portato, mai banale, sempre ricca di motivazioni di vita che non si possono che condividere.

Condividi su:

Seguici su Facebook