San NIcola Greco

| di comunicato stampa
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA
printpreview

Cari concittadini e devoti di San Nicola Greco,

quest'anno, nella
lunga storia del culto di San Nicola Greco e dei festeggiamenti
religiosi e civili a Lui dedicati, circostanze tristi e note, legate
alla pandemia che tanto dolore e sconcerto sta arrecando al mondo
intero, ci obbligano a cambiare radicalmente il tradizionale calendario
delle iniziative. 

Come Fondazione cercheremo comunque di non far
passare sotto silenzio questa festa tanto cara e tanto importante per
noi guardiesi con la Speranza che le prossime occasioni ci consentano di
reincontrarci nella gioia e in condizioni di tranquillità. 

Voi sapete
che, a partire dal 2011, anno in cui abbiamo celebrato il Millenario
della morte del Santo venuto fra noi dalle terre di Calabria e nel quale
abbiamo realizzato la ricognizione canonica delle reliquie conservate
nel Santuario, il nostro impegno è stato quello di recuperare la vicenda
storica e umana di questo monaco, che si intreccia con un momento
fondamentale della vita politica e culturale della nostra città nel
Medioevo

Sapete anche che, per sostenere e qualificare questo impegno,
abbiamo curato alcune importanti pubblicazioni, abbiamo inaugurato la
tradizione del Fuoco della Fede, abbiamo inserito nel quadro delle
celebrazioni la sfilata del Corteo Storico e abbiamo istituito la
consegna del Premio San Nicola Greco, conferito ogni anno a personalità
illustri del mondo civile e religioso che si distinguono per la loro
attività di 'costruttori di ponti'.

L'anno scorso abbiamo arricchito
il Santuario e la città con la realizzazione di un busto artistico di
San Nicola realizzato in legno, di pregiatissima fattura.

Molto del
lavoro svolto è stato reso possibile dal contributo generoso di voi
concittadini e dei commercianti in particolare, che avete condiviso con
noi l'opportunità e la qualità delle scelte operate, cosa questa che,
ringraziandovi, non smetteremo mai di sottolineare.

Onorare San Nicola
per noi, non è però solo un dovere civico, derivante dal coinvolgimento
del Santo nelle vicende della nostra storia medievale: San Nicola si
staglia come esempio di vita contemplativa, di sobrietà, di vicinanza
agli ultimi; egli è stato autentico costruttore di ponti, il che ne fa,
soprattutto alla luce degli eventi di questi giorni, un esempio luminoso
per la nostra vita.

Per tutto questo e per mantenere acceso nella
nostra città il braciere con la fiamma della Fede vi proponiamo, in
unione con il Parroco Don Erminio Di Paolo a cui va tutto un grandissimo
Grazie, un programma religioso e civile ridotto, dedicato al nostro
Santo, che, ovviamente, dovrà tenere conto di tutte le restrizioni note,
prima fra tutte quella del distanziamento. Per noi solo dei corpi,
certamente non del pensiero e dello spirito.

comunicato stampa

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK