EDILIZIA SCOLASTICA : 6 MILIONI DI EURO, UNA GRANDE OCCASIONE PERSA NELLA STORIA DI GUARDIAGRELE

| di Comunicato stampa Gruppo Consiliare di Minoranza "Progetto per Guardiagrele"
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

               La pandemia e le incertezze che, tra scivoloni e fughe in avanti del Ministro dell’Istruzione, gravano pesantemente sulla riapertura delle scuole a settembre (turni? - Metà "classe" in classe? l'altra collegata con la "classe" in classe? - rendono ancora più evidente il grave errore di impostazione dell'Amministrazione Dal Pozzo in tema di edilizia scolastica.

               Il sindaco, per motivi ancora non chiari, non ha perso tempo a buttare nel cestino il progetto di un campus scolastico, di una scuola proiettata al futuro, con spazi adeguati e funzionali sia all’interno che all’esterno, parcheggi, aree verdi, pronta ad essere un punto di riferimento per un ampio territorio, pronta a raccogliere la sfida della modernizzazione. Dal Pozzo e la sua giunta hanno preferito avviare la demolizione e la ricostruzione di un blocco e la ristrutturazione di un altro. Dopo cinque anni di Amministrazione Dal Pozzo i nostri ragazzi rientreranno in una scuola che non sarà in grado di assolvere alle direttive anti covid, direttive che saranno un ulteriore macigno sull'idea progettuale perseguita, ossia ristrutturare un edificio vecchio invece di costruirne uno nuovo e moderno.

               Ricordiamo che l'idea di realizzare un campus scolastico fu del sindaco Palmerio, con Dal Pozzo assessore e Franco Caramanico Presidente del Consiglio, e fu approvata all'epoca all'unanimità in Consiglio Comunale, con convinzione e senza tentennamenti da parte dei consiglieri di Progetto per Guardiagrele. E non si ricorda che l'allora Assessore Dal Pozzo abbia votato contro quel progetto. L'Amministrazione Salvi, succeduta a quella Palmerio, ha perseguito l'obiettivo della nuova scuola e lo ha fatto proprio confermando anche la localizzazione in via Anello e avviando e completando l’iter di approvazione della variante urbanistica, completa di un progetto di massima. La giunta Dal Pozzo quindi, al suo insediamento del 1 giugno 2015, aveva tutto pronto per poter richiedere finanziamenti per una nuova scuola, invece ha preferito avviare la ristrutturazione dell'attuale edificio scolastico di Rione Cappuccini, opera che non consentirà mai di risolvere i problemi di edilizia scolastica a Guardiagrele, men che meno quelli nuovi derivanti dalla emergenza covid.

Oggi il Comune di Guardiagrele si ritrova ad avere 6 milioni di euro per ristrutturare un vecchio edificio, al posto di utilizzarlo per costruire una nuova scuola.

               Guardiagrele non cambierà mai in meglio se non si ha il coraggio di guardare al domani e oltre.

Comunicato stampa Gruppo Consiliare di Minoranza "Progetto per Guardiagrele"

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK