Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

'Rimborsopoli d'Abruzzo', chiesta l'archiviazione per Caramanico

Restano invariate le posizioni di Chiodi e Febbo

La Redazione
Condividi su:

Archiviazione per 15 dei 25 consiglieri regionali finiti l'anno scorso al centro della Rimborsopoli d'Abruzzo. A quasi un anno di distanza - era il 23 gennaio 2014 (leggi) - la procura cambia direzione chiedendo lo stralcio delle posizioni della maggior parte dei politici coinvolti.
Al centro dell'inchiesta c'erano presunti rimborsi gonfiati per viaggi e soggiorni fuori regione (ad esempio in occasione del Vinitaly). Sotto la lente era finito quasi tutto l'allora consiglio regionale con i componenti dei diversi schieramenti. Nell'anno trascorso, gli accusati hanno esibito a propria difesa scontrini e ricevute; nella maggior parte si parlava di cifre irrisorie.

I pm Giampiero Di Florio e Giuseppe Bellelli ora chiedono l'archiviazione della posizione di gran parte degli indagati, tra cui lo stesso Caramanico.

Oltre a quella di Caramanico, è stata chiesta l'archiviazione anche per gli ex consiglieri regionali di Vasto (Antonio Prospero e Giuseppe Tagliente) e per Federica Carpineta, Lanfranco Venturoni, Lorenzo Sospiri, Nicoletta Verì, Carlo Costantini, Cesare D’Alessandro, Riccardo Chiavaroli, Giorgio De Matteis, Nichi Argirò, Emilio Nasuti, Alessandra Petri e Luciano Terra.

Invariate le posizioni dell’ex presidente Gianni Chiodi (a lui contestata la somma di 24mila euro), dell’ex presidente del consiglio regionale Nazario Pagano (15mila euro), Alfredo Castiglione (ex vicepresidente), Mauro Febbo, Paolo Gatti, Luigi De Fanis e Carlo Masci.

Condividi su:

Seguici su Facebook