È SCOMPARSA DELIA CARAMANICO,

anima e memoria della gente guardiese

| di Pietro F. D’Amico
| Categoria: Attualità
STAMPA

Alle prime luci di lunedì scorso, nella sua casa di Guardiagrele, si è spenta la signora Delia Caramanico, maestra e ricercatrice di storia locale, molto nota in città. Guardiagrele  perde, così, uno dei suoi cittadini più illustri, un autentico scrigno di memorie, una donna forte e acuta, che sapeva coniugare alla dolcezza e al garbo dei modi una caparbietà fuori dal comune. Da educatrice, ha sempre creduto nel potere della cultura di elevare gli spiriti e di migliorare la condizione dell'uomo, perché confidava nelle sorprendenti capacità dei bambini, dai quali – non si stancava di ripeterlo – aveva ricevuto più di quanto fosse riuscita a dare, in ben quattro decenni di lavoro a loro fianco. La signora Delia ha finito, così, per fare dell'insegnamento un paradigma di vita, senza mai distogliere il suo impegno accanto ai giovani, alle future generazioni, certa che non ci sia alcuna possibilità di progresso quando si perde la memoria del passato; numerose sono state le iniziative in tal senso, intraprese con le scuole cittadine e con l’Associazione “Punto Giovani”. Tra storia e futuro si è dispiegato il suo impegno civile, sempre profuso a beneficio della città che le aveva dato i natali. Instancabile animatrice del coro del Venerdì Santo, per anni ha continuato a far risuonare le voci ed i canti, a raccontare le gioie e i dolori di quel mondo preindustriale, fatto di operosi artigiani e di semplici contadini, che venne travolto dal secondo conflitto mondiale. A loro, alla "sua gente", ha dedicato le più belle pagine della sua lunga attività culturale, con il poderoso volume dal titolo "Guardiagrele nella tragedia della Seconda Guerra Mondiale" e con l’allestimento del "Museo del Costume e delle Tradizioni popolari", autentico gioiello nel panorama museale cittadino. I guardiesi l'hanno salutata oggi, al cospetto della Majella, raccogliendosi in un imponente corteo funebre, sulle note di quel "Miserere" che tanto ha amato in vita. Alle esequie, ha preso parte anche il Sindaco di Guardiagrele, in rappresentanza di tutta la cittadinanza, il quale ha voluto ricordare il generoso contributo fornito dalla signora Delia ai recenti lavori di ampliamento del “Museo del Costume”. Anche in quel frangente, la determinazione e la passione che la contraddistinguevano sono riuscite ad avere il sopravvento sugli affanni fisici e sul peso dell’età, in un ultimo slancio a servizio della cultura e del progresso della comunità guardiese.
Guardiagrele, 26.08.2014

Pietro F. D’Amico

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK