Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fara Filiorum Petri il paese si accende in onore di Sant' Antonio Abate

Con l’emozionante rito delle farchie, il paese rievoca il miracolo del Santo patrono degli animali

Condividi su:

Chi ha avuto la fortuna di trovarsi il 16 gennaio  a Fara Filiorum Petri, paese che si trova ai piedi della Majella, ha sicuramente assistito ad uno dei riti più emozionanti e caratteristici del nostro territorio: quello delle farchie.

Ogni anno, in questa data, fasci di canne alti 8 metri e legati, come da antica tradizione farese, da rami di salice rosso, vengono bruciati in onore di Sant’Antonio Abate, e questi fasci di canne sono conosciuti con il nome di farchie. Questa tradizione si ripete ormai da più di due secoli in questo paese, e la festa religiosa ha origine da un miracolo avvenuto nel 1799 per intercessione del santo al tempo dell’invasione francese: all’epoca Fara era protetta dalla Selva, un grande bosco che si estendeva fino a coprire interamente la contrada dei Colli. L’esercito francese voleva occupare il paese, ma il santo apparve nelle vesti di un generale e cercò di bloccarli, ma al loro rifiuto  trasformò gli alberi in fiamme che costrinsero i francesi alla fuga, e Fara scampò alla loro invasione. Da allora, ogni anno le contrade del paese ricordano quel miracolo incendiando le farchie davanti al piazzale antistante la chiesa di Sant’Antonio.

I faresi sono estremamente legati a questa festa, tutti partecipano con passione e devozione alla realizzazione delle farchie, e mentre gli uomini si impegnano durante la settimana che precede il 16 gennaio alla loro preparazione, le donne allietano il tutto con prelibate pietanze, e  con quelli che sono dolci tipici e tradizionali: crespelle, serpentoni, cavicioni e fritti, e tutti, dai più anziani ai più piccoli, cantano attorno al fuoco canzoni in onore del Santo.

In questi giorni a Fara si respira già aria di festa, e nel pomeriggio del 16 gennaio, il paese si illuminerà di nuovo alla luce delle farchie di S.Antonio.

Condividi su:

Seguici su Facebook