12° Edizione del Presepe Vivente

Parrocchia di San Francesco d'Assisi - Chiesa dei Cappuccini ; Mercoledì 28 dicembre 2011 ore 21:00

| di La Redazione
| Categoria: Tradizioni
STAMPA
Per la gioia di grandi e piccini, anche quest’anno sarà riproposto a Guardiagrele, all’interno della Chiesa di San Francesco d’Assisi, il Presepe vivente. Sotto la guida Spirituale di Padre Nicola, saranno gli stessi parrocchiani ad “improvvisarsi” protagonisti in questa rappresentazione Sacra che, forte di diverse edizioni alle spalle (quest’anno sarà la 12a), coinvolge tanti uomini, donne e bambini, in armoniosa e sensibile dedizione! Il messaggio, scandito da una base pre-registrata, verrà interpretato dalla semplicità con cui, gli attori “improvvisati”, riusciranno ad immedesimarsi nei personaggi storici. Undici scene Bibliche che inizieranno con “Adamo ed Eva”, sino a concludersi con l’adorazione dei Magi; La scenografia, grazie alla guida artistica del Prof. Angelo Adorante, si delinea come al solito ineccepibile per i costumi del tempo (Erode, i Magi, i pastori ...), calata in uno sfondo ove, tra atei e religiosi, tutti saranno alacremente intrattenuti. Le musiche, curate da Giulia Auriti, contribuiranno ad immergersi ancor più nella Betlemme di un tempo. Scenografia essenziale per gli spazi ristretti della Chiesa, ma con la quale si cercherà di riproporre, nella sua ristrettezza, l’eden, la sacra capanna, la corte di erode, i pastori, i soldati romani: è in questo scenario che i parrocchiani hanno deciso di far "rinascere" Gesù Bambino. Con i Re Magi, Maria, Giuseppe e il Bambinello. La conduzione avrà una unica prerogativa: l'essenzialità. Sarà un susseguirsi di protagonisti e di comparse che in oltre 20 animeranno l'evento, coinvolgendo in un devoto silenzio quanti vorranno assistere. Il clima natalizio nella nostra piccola Parrocchia, così ricco di emozioni, di nostalgie, di significato religioso, ma anche così minato da una cultura che vorrebbe depauperarci di questo grande patrimonio, ritrova nel presepe un baluardo contro questa spoliazione: perciò, incentivarne la tradizione, è come difendere noi stessi.

La Redazione

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK