Crowdfunding contro lo stoccaggio del gas a San Martino sulla Marrucina

| di Inka Zulli
| Categoria: Territorio
STAMPA
printpreview

Il progetto è autorizzato dal Decreto ministeriale 165 del 19 giugno scorso 
che ne dichiara la compatibilità ambientale, ma c'è chi è pronto a ricorrere al 
Tar


Il comitato per la qualità della vita di Guardiagrele, insieme ad altre realtà 
del territorio, sta portando avanti un'iniziativa di crowdfunding, con 
l'intento di  raccogliere donazioni per far partire un ricorso al Tar contro il 
progetto di attività di stoccaggio di gas naturale “Poggiofiorito stoccaggio” 
in località San Martino sulla Marrucina.
 Il progetto è autorizzato dal Decreto ministeriale 165 del 19 giugno scorso 
che ne dichiara la compatibilità ambientale.
Il comitato non la pensa così: "Non vogliamo che si realizzi il progetto - 
spiega -  perché è sito in zona sismica 1, altamente franosa e densamente 
abitata nel raggio dei 10 km, su faglia attiva di tipo rotazionale. La sua 
capacità di working gas è pari a 157 MSm3 (157 milioni di metri cubi di gas) e 
una portata di punta in erogazione e in iniezione pari a 1,7 MSm3/g".

Per contribuire si può accedere a questo link. 

http://www.kapipal.com/nostoccaggiopoggiofiorito

Aiutateci ad aiutarvi.

Inka Zulli

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK