Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Morti sul lavoro, nel 2023 sono stati 15 più del 2022: "Dato drammatico"

L'analisi della Cgil. Le province con il maggior numero di decessi Chieti e Teramo

redazione
Condividi su:

Sono 36, in Abruzzo, nel 2023, i morti in seguito a incidenti sul lavoro. Ad analizzare i dati sono la Cgil e il Patronato Inca-Cgil Abruzzo Molise

"Un dato drammatico e superiore a quello già tragico del 2022 quando a morire furono in 21", afferma il sindacato, che aggiunge: "un trend inverso rispetto all'andamento degli infortuni sul lavoro scesi dai 15.686 del 2022 ai 12.112 del 2023". 

Le vittime, in tutti i casi maschi (28 di nazionalità italiana e otto stranieri), sono state 13 nelle province di Teramo e Chieti, 8 in quella di Pescara e 2 all'Aquila. L'edilizia, con sette morti, ha fatto registrare il maggior numero di casi, seguita dai settori dell'industria chimica, dell'agricoltura e del commercio in cui si sono contate cinque vittime ciascuno. Trentuno gli incidenti avvenuti durante lo svolgimento dell'attività lavorativa, cinque durante il percorso casa-lavoro. 
 

Dai dati Inail, rileva il sindacato, emerge che diversa è la situazione generale degli infortuni che diminuiscono del 23%, facendo registrare un calo in tutte le province (442 in meno in provincia dell'Aquila, 1.300 a Teramo, 558 a Chieti e 1.235 a Pescara). Poco meno del 20% di questi si registra nei servizi sanitari (in particolare negli ospedali e nelle case di cura e nell'assistenza), più del 10% nell'edilizia e circa l'8% in agricoltura. Dei complessivi 12.112 incidenti, che hanno visto coinvolti 7.236 uomini e 4.876 donne, l'88% è avvenuto in azienda durante lo svolgimento dell'attività lavorativa, mentre il 12% in itinere, ovvero nel trasferimento da casa al posto di lavoro. 

(Ansa Abruzzo)

Condividi su:

Seguici su Facebook