PROGETTO PER GUARDIAGRELE: "RIDURRE LE IMPOSTE E TASSE COMUNALI PER SOSTENERE L'ECONOMIA CITTADINA"

| di Comunicato stampa Gruppo Consiliare di Minoranza "Progetto per Guardiagrele"
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

I consiglieri comunali di Progetto per Guardiagrele, Donatello Di Prinzio, Flora Bianco e Orlando Console tornano alla carica sulla necessità di riduzione delle tasse e imposte comunali per aiutare le attività economiche ed i cittadini guardiesi.

“Siamo partiti da questa constatazione: considerato che lo stato di emergenza è stato dichiarato per un periodo di 6 mesi, come da delibera del Consiglio dei Ministri del 31.01.2020, quindi pari al 50% dell’annualità 2020, abbiamo proposto già da un mese, sia con una richiesta scritta in data 08 aprile, sia ribadendolo in consiglio comunale, di abbassare il carico fiscale per l’anno 2020, in particolare la TARI per le utenze non domestiche (in quanto le attività commerciali ferme non producono rifiuti), l’addizionale IRPEF ai cittadini di Guardiagrele e l’IMU.

Al fine di finanziare le nuove agevolazioni, una possibilità sarebbe quella di spostare dal bilancio la quota di contributo prevista per la realizzazione delle nuove insegne, in quanto le priorità degli operatori economici sono ben altre in questo momento di drammatica difficoltà e anche perchè, come ci risulta dalle ultime notizie a nostra disposizione, ad oggi non è pervenuta alcuna richiesta di contributo”.

I consiglieri comunali di Progetto per Guardiagrele evidenziano poi: “Riguardo alla riduzione delle imposte comunali, tra l’altro, l’IFEL (Istituto di finanza locale dell’ANCI), con una nota dello scorso 24 aprile ha chiarito che i Comuni possono concedere direttamente una riduzione della Tari alle attività commerciali in seguito all’emergenza pandemica. La riduzione può essere applicata dai comuni anche se non è prevista espressamente dalla legge.

Tutto, quindi, dipende dalla volontà del Comune di venire incontro o meno alle attività commerciali e di sostenere l’economia cittadina”.

Diamo invece per scontato un azzeramento della COSAP (canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche), in quanto i locali sono chiusi. L’amministrazione deve non solo azzerare la COSAP per questo periodo di chiusura e per tutta la durata della fase di emergenza (successive fasi), anche per agevolare l’accoglienza dei clienti, ma deve continuare a concedere agevolazioni e supporto anche in fase di ripartenza, che tutti ci aspettiamo avvenga al più presto, per sostenere la ripresa dell’economia cittadina”.

Comunicato stampa Gruppo Consiliare di Minoranza "Progetto per Guardiagrele"

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK