Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Eva Di Crescenzo: il coraggio di ribellarsi.

Il ricordo di una donna forte anima della propria contrada oggi dalle 17.00 presso L'ASD COMINO.

Condividi su:

Nell'antica Roma si pensava che il destino degli uomini fosse scritto nel proprio nome; nomen omen: un nome un destino.

Che sia vero o meno questo antico adagio si sposa perfettamente con la protagonista dell'incontro che dalle 17.00 si terrà presso l'Asd Comino in ricordo del centenario della nascita di Eva Di Crescenzo, militante nelle file del PCI dal dopoguerra agli anni settanta, anima di un'intera contrada, donna forte in un periodo nel quale proprio la forza delle donne è stata determinante per cambiarlo quel destino scritto nel proprio codice genetico.

Eva come la prima peccatrice, la pietra di scandalo, tentatrice colpevole della nostra condizione di supplizio terreno e per questa relegata a mera funzione riproduttiva. 

Eva che se davvero quella mela l'ha morsa, l'ha fatto per insegnarci a  ribellarci al potere precostituito, perché è il dubbio ad essere sacro e perché il coraggio muove il mondo. 

Nomen omen. Oggi, Eva, ci piace ricordarla  così.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook