Paesaggi futuri: giovani protagonisti in azione

Gli alunni delle classi V del Liceo Scientifico di Guardiagrele si cimentano in un progetto per valorizzare il territorio

| di Chiara Pirani
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Gli alunni delle classi V del Liceo Scientifico di Guardiagrele si cimentano in un progetto per valorizzare il territorio.

Un progetto che dura ormai da tre anni e si appresta a terminare per le classi V, che passeranno il testimone alle terze.

Grazie a consigli, disponibilità e a una buona dose di pazienza da parte del tutor Simone Vona, coordinatore del progetto, è stato possibile sviluppare un'idea e portarla avanti.

Ma facciamo un passo indietro.

Il professor Spinogatti, insegnante di arte, e la professoressa Guidotti, docente di lettere, propongono il progetto nell'anno scolastico 2012-2013 alle allora classi terze: i partecipanti risultano essere 29.

Il progetto “Italia nostra, Paesaggi futuri” coinvolge due regioni, Abruzzo e Lazio, e quattro province: Chieti, Pescara, Roma e Frosinone, per un totale di sedici Istituti.

L'obiettivo? Valorizzare e ridare vigore a un luogo dismesso o a un monumento da restaurare.

Intervistando la cittadinanza guardiese, è emerso che ciò che manca in maniera più sentita è un luogo di aggregazione e d'incontro per i giovani, prima coincidente con la struttura del “Cinema Teatro Garden”.

Perché, quindi, non rimetterlo in funzione?

Una serie di incontri con le altre scuole della provincia di Chieti e un meeting a Roma hanno permesso di raccogliere informazioni e consigli per iniziare l'opera di valorizzazione.

Nascono, così, i “Ragazzi in corto”, appellativo proposto dalla cara professoressa Guidotti, che indicono un concorso di cortometraggi per riattivare il cinema, proponendo anche un torneo di calcetto, in ricordo del compagno e amico Donatello Panaccio, per raccogliere fondi.

“Quali sono i punti di forza del progetto? Quali le debolezze?”

“Il nostro intento principale è stato di suscitare l'interesse comune, per valorizzare il territorio, coinvolgere i giovani in particolare e acquisire un senso civico. D'altro canto, però, le istituzioni, dalle quali dipendevamo e dipendiamo tuttora inevitabilmente, ci hanno spesso remato contro. Sembravano non prendere sul serio le nostre proposte, probabilmente per la nostra giovane età. Questa è stata una forte debolezza” dicono i ragazzi.

“Come proseguirete e perseguirete il vostro obiettivo, ora che siete al quinto anno?”

“Passeremo il testimone alle classi terze: grazie ai preziosi consigli della professoressa Orsini, organizzeremo un II memorial, riproponendo il torneo di calcetto, durante l'ultima settimana di aprile, e il 30 dello stesso mese ci sarà un concerto in onore del nostro amico Luca Di Prinzio, oltre alla premiazione del cortometraggio vincitore”.

E il tutto si terrà presso il “Cinema Teatro Garden”, ridando “vigore” ad un luogo funzionale, ma poco funzionante.

Il progetto presenta tutte le credenziali per essere, allo stesso tempo, formativo e coinvolgente. Insegna ad essere “cittadini attivi” e a dimostrare che i ragazzi possono davvero rappresentare il punto di partenza per un percorso di miglioramento, che li vede e li vedrà “giovani protagonisti”.

Chiara Pirani

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK