Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Rocco Auriti e i suoi lagotti romagnoli spopolano a Bagnara di Romagna

Premiata la passione di un giovane guardiese

Condividi su:
Maja Mater, l’allevamento amatoriale del lagotto romagnolo, magari poco conosciuto a Guardiagrele, nei raduni nazionali e internazionali si distingue. Lo scorso weekend, il 15 e il 16 ottobre, il guardiese Rocco Auriti e i suoi esemplari di lagotto romagnolo hanno partecipato ad un importante raduno nazionale a Bagnara di Romagna: il Raduno Nazionale C.I.L. - Campionato sociale, Raduno UMLAG e dell’Unità d’Italia. Villa Morsiani ha ospitato 162 esemplari di lagotto romagnolo provenienti da tutto il mondo: America, Romania, Finlandia, ma anche Svizzera, Slovenia, Italia. I lagotti, che hanno gareggiato nelle categorie “Giovani maschi”, “Esordienti maschi”, “Libera maschi”, “Veterani maschi” e “Giovani femmine”, “Esordienti femmine”, “Libera femmine” e “Veterane femmine” sono stati giudicati da Antonio Morsiani, l’italiano che col padre ha definito lo standard di razza, riconosciuto dall’Ente Nazionale Cinofilia Italia nel 1992, e da Renee Sporre Willes. Forte competizione dunque che non ha spaventato Rocco Auriti e la sua socia, Marta Liberatoscioli, tornati a Guardiagrele con importanti premi e riconoscimenti. L’allevamento Maja Mater ha presentato Custer (4 anni) nella categoria “Libera maschi”, arrivato 4° su venticinque esemplari. Sempre Custer è stato poi selezionato come soggetto con miglior testa, ricevendo per questo uno dei premi tecnici più importanti nell’ambito del club del lagotto romagnolo: il Trofeo Luciano Bernabei. Il giudizio di Morsiani su Custer: “Testa davvero tipica con magnifica espressione di razza, occhi con espressione sognante”. Rocco e Marta hanno gareggiato anche con Dea Maja nella categoria “Libera femmine”, che si è classificata seconda, oltre a venir selezionata per il premio “Miglior movimento e costruzione” e per per il premio “Miglior mantello”. Quest’ultimo, anche se non assegnato a Dea Maja, se lo è aggiudicato Agata, un lagotto romagnolo che vive nel teramano, ma nato e cresciuto in casa Maja Mater.
Condividi su:

Seguici su Facebook