Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

“Basta essere spettatori”

Il messaggio di Inka Zulli - Portavoce dei giovani IDV

Condividi su:
Una chiacchierata con la portavoce dei giovani Italia dei Valori della provincia di Chieti: Inka Zulli. La giovane guardiese afferma di aver finalmente trovato la sua “famiglia” politica, dopo essersi letteralmente scontrata con una realtà deludente. Da dove nasce questa forte passione per la politica? Ho sempre avuto un'idea romantica della politica. Il mio romanticismo in bianco e nero si è colorato con il tempo, e non posso che ringraziare di questo i miei genitori. Con loro ho sognato di marciare in quelle manifestazioni spinte da ideali forti, quando ci si credeva veramente, ho partecipato attraverso le loro parole a piccole conquiste ottenute solo con la forza della loro voce, che risuonava alta quando non si sentivano rappresentati da scelte prese in nome del popolo; ho anche festeggiato a suon di musica e salsicce insieme a chi, come loro, amava quella politica. Perchè Italia dei Valori? Destra, sinistra, centro, ex quello, ex quell'altro... ho provato a informarmi, a seguire un filo conduttore. Avevo ben chiaro quello che volevo, e sapevo cosa cercare. Non sarei scesa a compromessi. Avevo 18 anni, quando ho scoperto l'Italia dei Valori. Un partito giovane, allora aveva appena sei anni, fondato da un ex-magistrato, Antonio Di Pietro, protagonista dell'inchiesta Mani pulite, indagine che nei primi anni novanta aveva portato alla luce un sistema di potere politico nazionale fondato sulla corruzione. A chi dare la mia fiducia se non a lui? Poi ho avuto la fortuna di conoscere tutti gli altri, dal segretario del mio paese, Aldo Pellicciotta, all'ex coordinatore giovani della provincia; ho conosciuto il coordinatore della regione Giampiero Riccardo, il capogruppo alla regione Carlo Costantini, il Senatore Alfonso Mascitelli, segretario regionale dell'Idv Abruzzo. Inspiegabilmente loro hanno ascoltato quello che avevo da dire, hanno creduto in me e continuano, instancabili, a portare avanti battaglie nelle quali credo fermamente. Grazie a loro ho capito che era esattamente nell'Italia dei Valori che volevo rimanere. Italia dei Valori e Guardagrele Da portavoce dei giovani della mia provincia voglio informarvi che anche a Guardiagrele è presente questa realtà. Ci avete visti in piazza portare avanti raccolte firme nelle quali nessuno credeva e ci avete ascoltati incuriositi di sapere che cosa ci spingesse a portare avanti tante battaglie, in un momento così delicato per il nostro Paese. Ora sappiamo che possiamo farcela, che contiamo qualcosa, che potete fidarvi e che facciamo sentire la nostra voce. Tutti noi abbiamo cambiato la storia con i referendum dello scorso giugno e siamo stati protagonisti di questo: ciascuno di noi ha firmato e ci ha creduto. È stata la nostra piccola grande vittoria. Mi fido di questo partito, mi fido di Antonio Di Pietro e di tutto quello che rappresenta ed è per questo che mi piacerebbe rendervi partecipi delle nostre scelte, delle nostre idee e posizioni, perchè anche a Guardiagrele possiamo crescere e far crescere a partire da solide radici: Noi ci siamo.
Condividi su:

Seguici su Facebook