Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Classe 1993, Loris Bacchetti: dai banchi di scuola alla serie B

De Sanctis, «Adesso il Pescara è un po’ più guardiese grazie a Loris»

Condividi su:
Il numero 33 sulla maglia, come Thiago Silva, ed un esordio nel Pescara casuale, come quello del compaesano Morgan. Un debutto costretto per l'infortunio di entrambi i portieri della prima squadra sul campo neutro di Francavilla al Mare, un rigore parato a Christian Vieri in un celebre Pescara - Venezia e l’inizio di una nuova carriera per il “Pirata”: Juventus, Udinese, Siviglia, Galatasaray, Napoli e Nazionale. Possibilità analoga per Loris Bacchetti, lanciato in campo da Zeman, quando il tecnico si è trovato privo contemporaneamente di Capuano, Romagnoli, Bocchetti e, ultimo in ordine di tempo per un grave infortunio, l’altro baby Perrotta. Da quando è entrato in campo, tra un po’ di scetticismo generale, non è ancora uscito e si è ben distinto nel ciclo di 7 punti in 3 partite. Un papà agitatissimo sugli spalti, una classe del liceo scientifico “A.Volta” da salutare e tanta umiltà: «Ho sfruttato al meglio questa occasione. So che è difficile continuare, se dovessi tornare in Primavera non sarebbe un problema. Sto vivendo tutto alla giornata, spero che continui a lungo questo momento ma non mi sento ovviamente arrivato o esploso: spero sempre di giocare e che si sentirà ancora a lungo parlare di me». L’augurio più bello per un’eccellente carriera arrivano proprio dal campione guardiese in quel di Pescara, dopo la partita con la Nazionale: «Adesso il Pescara è un po’ più guardiese grazie a Loris. So che è bravo, conosco lui e la famiglia e meritano tutte le fortune di questo mondo. Spero che venga apprezzato molto più di me quando sono stato a Pescara e che non debba aspettare anni per essere rivalutato come è capitato al sottoscritto». Ci si conosce un po’ tutti a Guardiagrele ed un po’ tutti tifano, insieme a Morgan, questo baby Campione: vai Loris, facci sognare!
Condividi su:

Seguici su Facebook