Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Su 'Scorci d'Abruzzo' Vittoria Colonna e Michelangelo

redazione
Condividi su:

Una magnifica poetessa ed un grande artista sono i protagonisti della nuova puntata di "Scorci d'Abruzzo" di Paolo Pacitti, in onda su Buongiorno Regione su Rai 3 con lo scrittore abruzzese Peppe Millanta e le telecamere Rai di Sem Cipriani, si tratta di Michelangelo Buonarroti e Vittoria Colonna, la marchesa di Pescara che si incontrano nel 1538 nel chiostro della Chiesa di San Silvestro di Roma; tra di loro nasce un rapporto intenso, "un amore platonico - come spiega Millanta - alimentato anche dall'adesione, per entrambe, al movimento degli spirituali che tentava di riformare la Chiesa. Vittoria Colonna divenne per Michelangelo un punto di riferimento e di questo rapporto resta traccia in alcune lettere ed in alcune rime appassionate che lui le dedicò". 

Michelangelo realizza per lei alcuni dipinti, oggi tutti perduti, e dei celebri disegni come la famosa "Pietà"spiega Giovanbattista Benedicenti, Storico dell'Arte: "la Pietà esprime lo spirito tormentato di un'epoca: la torsione michelangiolesca, l'espressività potente di queste figure sono lo specchio di una crisi religiosa degli anni della Controriforma. La forma sta alla materia, come l'anima sta al corpo e l'artista deve lottare titanicamente per trovarla".
 
La testimonianza dell'unione di queste due anime si riscontra anche nel "Giudizio universale": il pittore stava affrescando la Cappella Sistina proprio nel periodo in cui conosce Vittoria Colonna, alla quale si è ispirato proprio per la realizzazione della Madonna dell'affresco, regalandole l'immortalità.
 
Vittoria Colonna era anche la signora di Pescocostanzo (AQ), da poco distrutto dal terremoto del 1456: istituisce infatti, nel 1535 una delle prime commissioni edilizie della storia "La commissione della signora" per regolamentare la ricostruzione del borgo che da allora è rimasto intatto. 
 
Condividi su:

Seguici su Facebook