Progetto per Guardiagrele chiede la riduzione del carico fiscale per i commercianti e i cittadini di Guardiagrele in seguito all’emergenza COVID-19

| di Comunicato stampa Gruppo Consiliare di Minoranza "Progetto per Guardiagrele"
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

La situazione di chiusura delle attività inizia a creare problemi economici a molti imprenditori e commercianti. Basti pensare ai bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti, negozi di abbigliamento e calzature, imprese edili ed altri.

Molti di loro sono piccoli imprenditori che vivono solo della loro attività, così come i loro dipendenti e collaboratori. Altri, che già si trovavano in stato di disagio, oggi vedono aumentare il proprio disagio per la mancanza anche di quel lavoro occasionale o poco retribuito.

Il nostro Comune ha pensato solo a togliere la tassa di occupazione, senza pensare che in questo momento l'occupazione del suolo è scontato che non ci sia. 

I Consiglieri di Progetto per Guardiagrele Donatello Di Prinzio, Flora Bianco, Orlando Console, hanno, invece, proposto al Sindaco di ridurre L'IMU, la TARSU e l'addizionale IRPEF, che incide in modo importante nelle tasse che occorre pagare.

Considerato che lo stato di emergenza è stato dichiarato per un periodo di mesi 6, come da delibera del Consiglio dei Ministri del 31.01.2020, quindi pari al 50% dell’annualità 2020, i Consiglieri di minoranza chiedono:

 

- riduzione del 50% del pagamento dell’IMU a tutti i contribuenti del Comune di Guardiagrele, a fronte della grave crisi che si sta vivendo a causa dell’emergenza COVID-19;

- riduzione del 50% del pagamento TARI per le attività che non rientrano nei codici ATECO allegato al Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 25.03.2020, in quanto di fatto non stanno esercitando la loro attività e di conseguenza non producono rifiuti;

- riduzione del 30% del pagamento TARI per tutte le altre attività, in quanto di fatto stanno lavorando solo per le emergenze ed a regime ridotto, di conseguenza producono meno rifiuti;

- riduzione del 50% dell’addizionale IRPEF ai cittadini di Guardiagrele.

L'economia della nostra città si basa molto sui piccoli e medi imprenditori, per questo è importante in questo momento stare loro vicino. Non bastano solamente proclami e pubblicità sull'attività comunale, ma di fatto, ad oggi, il Comune di Guardiagrele non ha dato nessun contributo concreto, ma sta solo distribuendo le somme che hanno messo a disposizione il Governo e la Regione.

 “Se non si ha la possibilità o la volontà di dare un contributo economico tangibile, si può contribuire con la riduzione delle tasse", queste le parole di Di Prinzio, Bianco e Console.

Pertanto chiedono di portare all’attenzione della Commissione Affari Istituzionali prima e successivamente del Consiglio Comunale la presente proposta al fine di avere una unanime approvazione.

Comunicato stampa Gruppo Consiliare di Minoranza "Progetto per Guardiagrele"

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK