Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Una storia con le mani. Raccontatela anche voi

Si comincia con “Chitarra e Ravioli”

Condividi su:

Due primi speciali, intrisi di gusto, tradizione e semplicità.

Il tutto, condito dal “sapore dell'affetto”, che, in casi come questo o in qualsiasi tipo di ricetta, non dovrebbe mai mancare.

Chi cucina racconta una storia con le mani.

Proprio così.

Questo spazio è pensato per chi vuole raccontare qualcosa di sé attraverso il cibo.

Cosa aspettate a farlo anche voi?

Cominciamo a rompere il ghiaccio così.

 

Chitarra e Ravioli

Ingredienti:

-Per la pasta:

6 uova,

600g di farina,

sale

-Per il ripieno:

500g di ricotta

grana q.b.

noce moscata q.b.

prezzemolo q.b.

 

Preparazione:

Impastare farina, uova e sale, fino a creare un impasto facile da lavorare.

Dividerlo “a metà”.

La prima verrà usata per la chitarra: stendete una sfoglia non troppo sottile, con l'aiuto della nonna papera. Munitevi della “chitarra” appartenuta alle vostre nonne e passate la sfoglia su di essa, con un matterello e abbondante farina.

Passiamo ora al “secondo primo”: i ravioli.

Stendete la sfoglia allo stesso modo e passate a preparare il ripieno, mescolando la ricotta con il prezzemolo, il grana e una spolverata di noce moscata.

Mettete dei cucchiaini di ripieno su un lato della sfoglia, un po' distanziati tra loro. Ripiegate l'altra parte a coprire e ricavate i ravioli, sigillandoli per bene con l'aiuto di una forchetta.

Ora, entrambi i nostri primi sono pronti per essere tuffati in acqua bollente salata e per essere avvolti, poi, da un sugo semplicissimo, fatto con olio, cipolla tritata finemente e passata di pomodoro.

Tutto rigorosamente fatto in casa.

 

Da dove viene questa ricetta? Facile.

Come sempre accade, anche questa volta il laboratorio di zia Fiorella ci propone qualcosa di straordinariamente buono.

Le sue mani sapienti, insieme a quelle della mamma, permettono di fare un bel tuffo nella tradizione e di gustare un piatto davvero speciale.

 

Una storia raccontata con le mani può svelare davvero molto.”

Diteci di voi attraverso una ricetta!

Condividi su:

Seguici su Facebook