Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Le Scuole Primaria e Secondaria di Rapino celebrano il Giorno della Memoria con canti e letture scelte

Condividi su:
“La memoria del passato ci aiuta nella costruzione di un futuro migliore”. Con queste parole di speranza il Sindaco di Rapino, Rocco Micucci, ha aperto la manifestazione organizzata dalla sua amministrazione per il Giorno della Memoria. Una manifestazione che ha avuto un riscontro positivo in termini di interesse e partecipazione. “Non possiamo e non dobbiamo mai dimenticarci di ciò che è accaduto nel passato” ha detto il Primo Cittadino rivolgendosi alla platea, “molti dei presenti (riferendosi ai bimbi più piccoli) neanche sanno il motivo per cui noi siamo qui oggi, e forse è un bene per loro. L'importante è che non si spezzi mai quel filo con la storia che ci porti verso un futuro più degno e giusto. Che sia uno stimolo per non ripetere mai più gli errori commessi”.
Grande partecipazione, sia fisica che di spirito, da parte del pubblico che ha riempito la Biblioteca comunale “F. Maraini” di Rapino, teatro dell’evento. Quest’anno l’attenzione è stata rivolta tutta alle Scuole Primaria e Secondaria, nello specifico la classe Quinta e Terza media, che fin da subito hanno accettato di partecipare alla manifestazione realizzando uno straordinario lavoro di ricerca, presentazione e lettura di testi scelti proprio per l’occasione.
Il Diario di Anna Frank, il Bambino con il pigiama a righe, il Fotografo di Auschwitz, l'Amico ritrovato, sono solo alcuni dei libri presentati dagli alunni, attraverso i quali hanno cercato di far comprendere il vero significato della Giornata della Memoria, riportando testimonianze, fotografie di una macabra realtà che ha macchiato l'umanità intera.
Molto sentita anche la commemorazione iniziale con l’accensione di candele in memoria delle vittime dell’Olocausto dove “ogni fiammella rappresenta simbolicamente le anime dei defunti. Solo con la preghiera e il ricordo rimarranno sempre in vita” ha affermato il Parroco Don Claudio.
A chiusura della serata, nel ringraziare le Scuole, insegnanti ed alunni, e i partecipanti, il Sindaco si è detto soddisfatto soprattutto del “coinvolgimento emotivo, dello spirito di aggregazione che taluni avvenimenti portano in ognuno di noi, e quest'anno credo che abbiamo onorato nel migliore dei modi la Giornata.”
Una commemorazione che è stata realizzata nella casa dei libri, come ha ricordato Micucci, sottolineando il fatto che "coloro che compiono questi atti crudeli distruggono per prima proprio le fonti scritte, invece  noi scegliendo la biblioteca come posto per l'evento, abbiamo voluto attestare il contrario. Noi cerchiamo di salvare la storia salvaguardando la memoria scritta".
Ed un'ultima parola di ringraziamento e gratitudine per tutte quelle persone giuste, quegli eroi, che si sono adoperati talvolta anche a rischio della propria vita, per la salvezza dei propri fratelli. 
Condividi su:

Seguici su Facebook