Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

“In terra nostra Guardiagrelis”: terzo posto a Firenze

La soddisfazione si moltiplica: congratulazioni all'autore!

| di Chiara Pirani
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Sabato 5 dicembre, ore 16:30.

Il Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio ospita la XXXIII edizione del Premio Firenze di Letteratura e Arti Visive.

All'intervento di eminenti personalità ed autorità, segue la tanto agognata premiazione.

E si sa che il desiderio, senza troppe pretese, porta i migliori risultati.

La notizia che permette all'autore, Lucio Taraborrelli, di realizzare uno dei suoi sogni più grandi arriva “in anteprima”.

 

Anche se i nomi dei premiati non erano ancora stati resi pubblici, i primi tre classificati sono stati avvisati telefonicamente, per fare in modo che fossero tutti presenti alla cerimonia.”, spiega l'autore.

 

Mi hanno telefonato dalla segreteria del Premio Firenze: mi sono classificato 3°, in ex-aequo. È un risultato che va oltre ogni mia più ottimistica previsione.”

 

Una soddisfazione enorme, che riempie il cuore di orgoglio.

 

In terra nostra Guardiagrelis”: un gioiellino che il nostro borgo custodirà gelosamente, ma che, allo stesso tempo, non vedrà l'ora di mettere in mostra, sotto gli occhi di tutti, per continuare a dargli tutta la visibilità e il successo che merita.

 

La ricerca storica di Lucio Taraborrelli si fa particolarmente apprezzare per il rigore scientifico e per l'accurata, intelligente sicurezza dell'analisi analisi critica e dell'esposizione. Dotata di un ampio, interessante, intelligentemente scelto corredo documentario - in particolare di utilissime piante geografiche - costituisce un importante contributo alla conoscenza di quella terra d'Abruzzo, illuminato anche da un eloquente complesso di coerenti e convincenti immagini fotografiche.”

 

È questa la brillante motivazione con cui la Giuria del Premio Firenze ha riconosciuto ad autore e opera il merito che li caratterizzava e che li contraddistingue tuttora, un merito che, andando “oltre ogni aspettativa”, si carica di un'importanza e di un colore ancora più forti, vivaci, indelebili.

 

Un successo più che meritato, che si trasforma in gratificazione per l'autore, ma anche in ammirazione nei suoi confronti da parte della nostra Guardiagrele, il cui cuore trabocca d'orgoglio.


 

Chiara Pirani

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK