Il miele non è un semplice dolcificante come lo zucchero. E’ dolce e fa bene.

Cibo: rubrica di gastronomia a cura di Gino Primavera

| di Gino Primavera
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Va considerato un vero e proprio alimento dal contenuto nutrizionale vario: contiene zuccheri semplici e prontamente assimilabili (glucosio e fruttosio, principalmente), diversi minerali(potassio, ferro, calcio, fosforo, magnesio e rame),alcune vitamine (in particolare quelle del gruppo b), piccole quantità di aminoacidi e proteine, e una quantità di enzimi e di fattori antiossidanti che mettono in evidenza le sue proprietà medicamentose.

A seconda del tipo di miele queste proprietà cambiano: ad esempio il miele di tiglio è consigliato quale calmante ed anti-stress, quello di eucalipto ha proprietà balsamiche, il miele di castagno è indicato per i disturbi intestinali.

Tipologie di mieli

*Miele monoflorale: ottenuto prevalentemente dal nettare dei fiori di una sola pianta che gli conferisce particolari proprietà e sapori (miele di acacia, molto dolce; miele di castagno, amarognolo; miele di corbezzolo, decisamente amaro).

*Miele millefiori: ottenuto dal nettare dei fiori di piante diverse che presenta gusto e aromi diversi da zona a zona (in genere si distingue il millefiori di montagna e quello di pianura).

 *Miele di melata: ottenuto dall’elaborazione della melata, la sostanza appiccicosa che le piante emettono per la puntura di vari insetti (afidi, cocciniglie, metcalfa). Questo miele ha colore scuro e gusto intenso, caramellato.

I principali mieli italiani

– Miele di abete: molto scuro, sapore gradevole, indicato per l’alitosi

– Miele di acacia: non cristallizza e resta liquido per l’alto contenuto in fruttosio

– Miele di arancio: dissetante se mescolato con the ghiacciato

– Miele di corbezzolo: aspro ed amarognolo, si sposa bene con i pecorini sardi

– Miele di erba medica: colore giallo intenso, indicato per le attività sportive

– Miele di eucalipto: a grana fine, molto aromatico e ricco di enzimi

– Miele di girasole: giallo intenso, ricco di vitamine

– Miele di rosmarino: ideale per le cure di bellezza

– Miele di lupinella: colore chiaro, sapore delicato, si sposa bene a formaggi a pasta morbida

– Miele di sulla: colore chiaro e cristallizzazione fine, non cambia il sapore degli alimenti cui viene

aggiunto

– Miele di tiglio: pastoso, sapore forte, raschia la gola.

Estratto dal libro “Mangio la foglia” ed Carsa , autore Gino Primavera

Gino Primavera

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK