Partecipa a GuardiagreleWeb.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Sì all'uso terapeutico della cannabis in Abruzzo

Esecutivo non impugna la legge sui cannabinoidi promulgata a gennaio dalla Regione Abruzzo

Condividi su:

Il Governo non ha impugnato la legge sui cannabinoidi promulgata nello scorso gennaio dalla Regione Abruzzo nella quale è prevista l'erogazione su ricetta medica dei farmaci galenici a base di cannabinoidi. E' quanto si apprende da fonti del Governo. La decisione conferma l'orientamento positivo all'uso di cannabis per uso terapeutico.

"Questa è una vittoria del buon senso perché già il ministero aveva autorizzato l'uso terapeutico e l'Abruzzo diventa capofila perché lo ha disciplinato", ha detto il consigliere regionale Maurizio Acerbo (Prc), che ha presentato la legge. "Perfino Giovanardi - ha detto Acerbo - è favorevole all'uso medico dei cannabinoidi, ma queste buone intenzioni fino ad oggi non erano operative".

Secondo la legge promulgata in Abruzzo lo scorso gennaio, e che il Governo Renzi non ha impugnato, in base al piano terapeutico redatto da un medico specialista, i cannabinoidi potranno essere prescritti anche dai medici di base. "Una scelta strategica", dice il consigliere abruzzese di Prc, Maurizio Acerbo, autore della legge. "Affidare anche ai medici di base la prescrizione dei cannabinoidi per le cure terapeutiche, è una scelta strategica della nostra legge", dice Acerbo spiegando che un altro degli aspetti qualificanti "è la possibilità di trattamento anche domiciliare". La 'legge Acerbo' prevede inoltre che la Giunta regionale possa stabilire convenzioni con centri attrezzati per la produzione e la preparazione dei farmaci. L'iter di approvazione regionale è partito l'11 settembre 2013 mentre la promulgazione è del 4 gennaio scorso.

Condividi su:

Seguici su Facebook