Piazza S. Maria Maggiore: in scena “LA MANDRAGOLA”di Niccolò Machiavelli - questa sera ore 21:30

L'associazione “Amici del Teatro di Ortona” ripropone un classico del teatro del '500

| di Silvia Garzarella
| Categoria: Associazioni
STAMPA

Machiavelli non è solo l'autore del “Principe”, il trattato che l'ha reso celebre come il padre della scienza politica moderna. Machiavelli è un uomo che vive nel Rinascimento, un'epoca dove se sei un intellettuale non ti occupi di un solo argomento. Puoi per esempio dipingere la Gioconda e al tempo stesso progettare una macchina volante, studiare anatomia e inventare strumenti musicali (vedi Leonardo); puoi essere esperto di politica, fare il filosofo e scrivere una commedia satirica e divertente ( è il caso di Machiavelli).
“Mandragola” è il nome di una pianta molto particolare.

Secondo la tradizione le sue radici avrebbero proprietà afrodisiache e fecondative infallibili, niente di meglio per un innamorato in cerca di una scusa, Callimaco. Lucrezia è la bella moglie di messer Nicia, un avvocato sciocco e credulone che con lei non riesce ad avere figli. Callimaco, sotto le vesti di un famoso dottore, convince Nicia a far ricorso alla Mandragola, una sola pozione per la moglie e via ogni problema, a un prezzo: il primo che avrà rapporti con lei morirà.
Il seguito è tutto da scoprire, aggiungere materiale al nostro bagaglio culturale è sempre un'ottima scelta, il modo migliore per farlo è divertirsi.

Silvia Garzarella

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK