Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

A tu per tu con Dante Alighieri: la politica italiana dal 1300 ad oggi

Cosa penserebbe il grande poeta dell'attuale situazione politica?

| di Alice Di Cocco
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

<> prorompe il celebre poeta fiorentino trecentesco Dante Alighieri nel Purgatorio, la seconda cantica della sua celeberrima Divina Commedia. E allora, la domanda sorge lecita: possiamo forse interpretare il passo dantesco alla luce degli eventi politici attuali? Non sembrerebbe un'ipotesi da scartare. Infatti, sembra proprio che le vicissitudini politiche italiane non abbiano fine, e ciò è testimoniato dal costante flusso di notizie che ci giunge ogni giorno dai media. Le difficoltà per la formazione del nuovo Governo, all'indomani delle elezioni politiche del 4 marzo, sembrano al momento insormontabili. E, questa situazione, ricorda ciò che accadeva nella Firenze di Dante, dilaniata dalle lotte tra i guelfi, i sostenitori del papa di cui il poeta faceva parte, e i ghibellini, sostenitori dell'imperatore. Certo, nel corso di innumerevoli secoli di storia, le ideologie sono cambiate radicalmente, ma ciò che sembra rimanere costante, è la difficoltà del dialogo. E anche Dante conosceva bene queste difficoltà, dal momento che la lotta tra guelfi e ghibellini gli costò l'esilio, motivo per cui non poté mai più far ritorno nella sua amata città. Il poeta fiorentino individuava la soluzione in una teoria innovativa: lasciare al pontefice la guida delle anime e affidare all'imperatore i presupposti per la felicità terrena dei suoi sudditi. Si trattava, certamente, di un'utopia, ma comunque, Dante non rinunciava alla speranza, chiedendosi se quella decadenza fosse necessaria per ottenere un bene più grande. La grande potenza evocativa delle parole di Dante, insomma, ci invita a riflettere, a distanza di numerosi secoli. Al di là del contesto politico, possiamo trarne una giusta osservazione, che si rivelerà sempre attuale: la grande letteratura resterà sempre viva, attraverso la voce immortale dei grandi poeti e dei grandi scrittori.

Alice Di Cocco

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK