Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Vivere green: quando la tecnologia favorisce la sostenibilità

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

L'Italia è ufficialmente sul podio dei paesi più attenti alle tematiche ambientali. A fotografare la situazione è Tns per conto di Vaillant, il quale ha stilato una classifica chiamata MyGreen IQ al fine di comprendere il livello di sostenibilità di ben 13 paesi europei.

Il popolo nostrano si è guadagnato il terzo posto, dimostrando una particolare attenzione verso le tematiche green. Austriaci e turchi sono sul podio insieme agli italiani, rispettivamente al secondo e al primo posto.

Le tematiche relative alla sostenibilità risultano molto importanti per più della metà della popolazione nostrana adulta (59%). Questa percentuale si traduce in circa 30 milioni di persone che mostrano non solo una mentalità sostenibile, ma anche un insieme di comportamenti volti a salvaguardare il benessere dell'ecosistema.

Questi comportamenti iniziano all'interno delle mura di casa, dove più del 70% della popolazione nostrana si dice impegnata in una corretta raccolta differenziata, mentre il 53% del campione (1000 individui) afferma di aver optato per elettrodomestici a basso consumo di energia. Dal 3° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile presentato da LifeGate, emergono comportamenti virtuosi anche nell'ambito dell'alimentazione e del benessere. Il 26% ha invece rivelato di rinunciare volentieri all'utilizzo della vettura privata, quando possibile.

Anche gli acquisti diventano sostenibili, tanto che il 52% degli italiani spende di più per acquistare prodotti sostenibili dal punto di vista ambientale.

Sono diverse le ricerche relative al tema della sostenibilità, tra cui quella condotta da Doxa e Leroy Merlin, dalla quale si evince la predisposizione dei nostri connazionali verso la realizzazione di prodotti pulenti per la casa fai da te. Il 61% si dice più tranquillo nell'utilizzare detergenti e prodotti biologici e privi di sostanze nocive, specialmente se autoprodotti. Italiani sempre più attenti al benessere dell'ambiente sul fronte delle pulizie domestiche, con una particolare attenzione all'eliminazione di qualsiasi forma di spreco, specialmente sul piano idrico ed energetico.

Su un campione rappresentativo di 1500 persone, l'indagine ha come obiettivo quello di fare luce sulle abitudini degli italiani nei cinque aspetti determinanti per una vita domestica ideale e sostenibile: maggiore attenzione alla salute, più comodità nel vivere gli spazi domestici, maggiore risparmio, rispetto per l'ambiente e l'aspetto relativo alla domotica.

Nel contesto residenziale, tra i fattori che sembrano preoccupare di più gli italiani c'è l'inquinamento indoor e l'inquinamento acustico. Ma, nonostante la crescente attenzione verso questo tema, sono ancora molti gli italiani che non sanno di poter contribuire, attraverso l'adozione di comportamenti

più corretti, a ridurre in modo significativo l'inquinamento dell'aria interna e gli sprechi.

Come?

Sul fronte delle pulizie domestiche, esistono prodotti che, se utilizzati in maniera errata, possono alterare i fattori fisico-chimici dell'ambiente, rivelandosi nocivi sia per l'ambiente sia per la salute degli individui. Da questa consapevolezza nasce l'esigenza d acquistare detergenti naturali dalla comprovata efficacia, un aspetto importante per l'84% degli italiani, seguito dalla convenienza economica (82%).

Tra gli italiani sensibili al tema della sostenibilità dal punto di vista delle pulizie domestiche, c'è chi sceglie di prevenire lo sporco in casa, evitando l'utilizzo quotidiano di prodotti e detergenti per la home care. É infatti boom di strumenti e dispositivi smart pensati per le pulizie domestiche sostenibili: robot lavavetri e robot aspirapolvere funzionanti a batterie, che puliscono con un occhio al risparmio energetico, lampade germicida a raggi UV che igienizzano i materassi, scopini per wc di design che igienizzano il vaso sanitario senza alcuno spreco di acqua, spazzole a vapore per eliminare ogni forma di sporcizia e tanto altro ancora.

Si tratta di gadget che piacciono e attirano molto l'interesse degli italiani, basti pensare che, solo nel comparto dei robot aspirapolvere a batterie, il giro d'affari si attesta intorno al miliardo e mezzo di dollari, con previsioni di crescita entro il 2021.

Anche se la casa che si pulisce da sola ancora non è stata inventata, non si può negare che il progresso tecnologico abbia contribuito a migliorare, rendendo quasi gradevoli, le faccende e le pulizie domestiche.

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK