Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Il Teatro di Orsogna è lieto di presentare sabato 28 marzo 2015 alle 21.00 lo spettacolo “Cantores” di Fiore Zulli e Carla Robertson.

Cantores è… “una rotta arcaica dove il quotidiano e il sacro si uniscono per rivelare l’essenza della tradizione popolare… un itinerario teatrale in cui il comico ed il tragico, il passato e il presente, si rimescolano c

| di Carlo Verna
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Si terrà questo sabato, 28 marzo 2015 alle 21 al Teatro comunaledi Orsognalo spettacolofuori cartellone delTeatro Simurgh, CANTORES scritto e interpretato da Carla Robertson e Fiore Zulli. I cantori vanno di villaggio in villaggio… viaggiano di paese in paese… percorrono i continenti…attraversano i secoli… Un attore ed un’attrice in uno spazio vuoto si fanno interpreti di molte culture, lingue e dialetti. Lo spettacolo è fatto di scene che comprendono canzoni, dialoghi, evocazioni e racconti. È caratterizzato dall’esplorazione di diverse forme di narrazione e di tecniche di canto proprie delle genti di ogni luogo evocato dai cantori. L’uso di percussioni come unici strumenti musicali che accompagnano le canzoni sottolinea l’origine arcaica di un viaggio che si rivela un’esperienza profondamente contemporanea.

Nota di regia

Fin dal passato più remoto i popoli hanno raccontato storie che parlano del mondo che li circonda. Per tutti loro, prima della parola scritta ci fu il suono. L’intera storia di un popolo si può esprimere attraverso canzoni e racconti, ritmi e danze che sono stati trasmessi come insegnamento tradizionale di generazione in generazione. Le creazioni di narratori, danzatori e cantanti di ogni epoca in ogni angolo del pianeta, sebbene nascano sempre da un popolo specifico, sono invero tutti frammenti di un’eredità comune ed occulta, di millenni di migrazioni registrate nei geni di ogni abitante umano della Terra.

Questa tradizione ancestrale viva e sempre presente, che sta alla radice della trasmissione della
cultura e del pensiero dei popoli, è il contesto dovenasce lo spettacolo.


Crediti
Produzione: Teatro Símurgh
Attori: Fiore Zulli –Carla Robertson
Spazio scenico: Teatro Símurgh
Costumi: Teatro Símurgh e Verena Spori
Disegno luci: Teatro Simurgh
Musica: Canzoni tradizionali arrangiate da F. Zulli e C. Robertson

Testo teatrale e regia: Fiore Zulli

Carlo Verna

Contatti

redazione@guardiagreleweb.net
mob. 329.8582692
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK